→ Alice nel Paese dei Diritti.

Percorso formativo in collaborazione con Amnesty International. Un modo insolito per conoscere i propri diritti ed imparare giocando con il racconto e la favola.

 
 
→ TRASFORMAZIONI
Apriamo il libro, una porta per tutte le storie: giochiamo raccontando, tiriamo fuori dal cappello del mago i trucchi più divertenti per insolite trasformazioni.

 
 
→ Alice nel Paese dei Diritti.
    con il patrocinio di

 

La Regina di Cuori chiede ad Alice di studiare la condizione dei bambini nel mondo. Alice la prende in parola e, consigliata dal Bianconiglio, esce dal suo libro e si ritrova nella realtà. Passa del tempo e la Regina si interroga su dove possa esser finita la bambina che non si trova da nessuna parte. Ma ecco che finalmente Alice è di ritorno nel Paese delle Meraviglie e porta con se una lunga esperienza e storie da raccontare. Purtroppo nel mondo reale gli adulti sembrano aver dimenticato qualcosa riguardo ai bambini: Alice mostra oggetti, canzoni, lettere, fotografie, insomma le vite di alcuni bambini cui sono stati negati dei diritti e gioca con la Regina per trasformare questa ingiustizia in una importante lezione da ricordare. Il racconto procede con la dovuta leggerezza, Alice ci ricorda i diritti fondamentali senza essere mai troppo seria, giocando con le grandi carte da gioco alte due metri della scenografia, con la voce, con la musica, con elementi di gommapiuma e cartapesta e interagendo con il pubblico di bambini spettatori. Una vivace, colorata e divertente riscrittura del famoso personaggio di Caroll, rielaborata da Amnesty International e da afterLAB per raccontare ai bambini di diritti, di infanzia e di problemi di ieri e di oggi.

A settembre 2012 è cominciato il nostro viaggio di Alice. Vedi le foto e alcuni momenti dello spettacolo

 
→ Arlecchino e l'incantesimo della Tristezza
Spettacolo in tecnica mista attori-burattini

Carnevale

... se un giorno la tristezza impedisse al Carnevale di essere colorato, divertente e giocoso!??! Se ad esempio, un bel giorno, una Strega Musona cacciasse dal suo castello il Principe e addormentasse tutti i sudditi sotto l'incantesimo della tristezza!??! Che brutto Carnevale sarebbe! Ecco perché il coraggioso Principe verrà a chiedere aiuto proprio ai bambini, agli spettatori bambini! Lui, insieme ad alcune Maschere preoccupate per il Carnevale, come la Principessa, Pulcinella e Spiderman, organizzerà con i bambini la guerra di linguacce, gare di coriandoli, risate contagiose e cose così. Ma nessuno di questi esperimenti funzionerà... perchè il Carnevale ha bisogno del suo più esperto ed antico esponente, Arlecchino in persona! Ed infatti, proprio lui troverà la soluzione: una grande Festa di Carnevale, in cui i bambini siano i protagonisti, sarà la chiave per riaprire le porte del castello e riportare il sorriso a tutti, Strega Musona compresa! Insomma il racconto procede con ritmo e leggerezza, si gioca con oggetti, burattini, musiche e scenografia, coinvolgendo continuamente i bambini, per vivere con loro un divertente momento di festa.

Vedi le foto e alcuni momenti dello spettacolo

→ Un treno di regali di Natale
Spettacolo in tecnica mista attori-burattini

Natale

Cosa succederebbe se Babbo Natale si ammalasse proprio il giorno della Vigilia con un tremendo raffreddore?! Chi penserebbe ai regali? Beh... questo ogni tanto succede! Ed è per questo che Babbo Natale è circondato da buffi ed allegri folletti e da strambe renne parlanti che sono sempre a lavoro per lui! Questi, con l'aiuto degli stessi giocattoli, si lanceranno all'avventura e riusciranno a portare tutti i doni e tanti sorrisi a tutti i bambini del mondo! Lo spettacolo, comico, colorato e pieno di dolcezza, è un gioco interattivo tra l'attrice e i bambini spettatori. Burattini, canzoni e giochi di vario genere aiuteranno il procedere del racconto con grande divertimento e leggerezza.